DDL Zan Affossato: scopriamo perchΓ©



Le richieste di FDL e Lega sono state approvate (tagliola art.96) in Senato grazie a 154 voti favorevoli, 131contrari e 2 assenti. Il DDL ZAN Γ¨ ufficialmente morto, scopriamo come. 
Parlando di DDL ZAN parliamo di un disegno di legge su iniziativa parlamentare che si poneva l'obbiettivo di estendere delle aggravanti per tutti quei reati commessi sotto l'impulso d'odio omotransfobico. E se volete saperne di piΓΉ leggete un po' qui.
Ovviamente non si limitava a questo, ma anche alla creazione di una giornata contro l'omotransfobia, peraltro giΓ  presente in tutta Europa, creare un organo dell'ISTAT per monitorare i vari reati con cadenza annuale e chiedere alle scuole di organizzare parti di programma, laddove possibile, che parlassero di questi temi.
Nel nostro paese infatti l'omotransfobia non Γ¨ considerata un reato e questo ci porta ad un grande problema: nel caso in cui qualcuno venisse portato in giudizio per un'aggressione esclusivamente omotransfobica, non Γ¨ possibile riconoscerne l'aggravante, soltanto il giudice puΓ² decidere, nel caso fosse molto chiaro, di applicare l'aggravante. Purtroppo non approvando il progetto di legge lo Stato non riconosce che nel paese Γ¨ presente una minoranza piΓΉ in difficolta e che deve essere tutelata, ma facciamo chiarezza sulla storia e di come siamo arrivati a questa situazione.
Il 4 novembre dello scorso anno il DDL ZAN viene approvato alla Camera dei Deputati con 295 voti a favore e 193 voti contrari, successivamente viene portato in Senato, ed è lì che avviene l'intoppo. Italia Viva decide di fermare il processo di votazione per permettere ulteriori modifiche, che permisero al centro destra di poter creare una campagna sul politicamente corretto per cercare in tutti i modi di cambiare l'opinione pubblica, portando episodi di disinformazione e odio gratuito verso questa minoranza.
Si arriva dunque al 27 ottobre corrente dove vedendo che la maggioranza si trovava in bilico il centro destra si avvalse del art.96 del regolamento del senato, che permette di poter votare per non discutere la legge, il risultato? "Il senato approva". Tutto seguito da un'esultanza assolutamente indecorosa quasi da stadio, questo perΓ² non puΓ² che semplicemente rallentare una serie di diritti che ormai la maggior parte della societΓ  civile pretende e che vede nell'Italia uno dei pochissimi paesi che non concede tutto ciΓ².
Ma quanto ancora dobbiamo aspettare perchΓ© venga garantito a tutti il diritto di poter essere se stessi senza dover per questo essere discriminati, insultati, perseguitati, assaltati? Quante aggressioni devono ancora accadere verso membri della comunitΓ  LGBTQ+ prima che l'Italia si doti di una legge che li difenda?

Daniele Ruiu & Alessio Esposito

Commenti

  1. L'ho riletto piΓΉ volte e ogni volta Γ¨ stato meglio di quella precedente non conosco gli scrittori ma mi congratulo con loro per il lavoro svolto spero di leggere altri loro articoli in futuro

    RispondiElimina

Posta un commento